• Josef

Il diritto di...

Esiste il diritto di prelazione, il diritto di protestare, e tra molti altri, il diritto a formare una famiglia.

Ebbene, quest’ultimo è stato temporaneamente abolito. Il diritto a protestare, come possiamo ben vedere, è tuttora vigente. Viviamo tra mille e migliaia di diritti e pochissimi doveri. Oggigiorno ci dimentichiamo di avere dei doveri e cosa siano.


In Grecia, il mio diritto di formare una famiglia è stato rispettato. L’indomani è stato possibile ottenere una copia del certificato di matrimonio. Non poteva essere più semplice, rapido ed efficiente. Di certo non posso dire di essere stato schiacciato e preso per i fondelli dalla burocrazia greca.


Ne dicono di tutti i colori dei greci: che sono pigri, e sono questo e quello. Parlano male di tutti i popoli del sud perché vogliono farci dimenticare dove sia nata la cultura con la ci maiuscola.


Ogni diritto è bello finché riesco ad utilizzarlo. Se questi fantomatici diritti esistono soltanto sulla carta potremo anche accettare il ritorno della monarchia, del colonialismo e della schiavitù. Le suppliche al re talvolta venivano accolte. Così potevamo parlare della magnanimità del regnante.


Oggi il tuo diritto può essere esercitato se te lo consente un tribunale. La supplica al re ti costava di meno. I diritti si basano sui numeri e sulla forza. Immaginate solo per un istante se l’ottanta per cento del personale medico dovesse andare in sciopero per un solo giorno. Qualsiasi governo europeo si troverebbe in ginocchio.


Con lo sciopero dei trasporti ancora possono cavarsela. Onestamente, il personale medico dovrebbe scioperare per ottenere almeno un venti per cento d’aumento.

2 views0 comments

Recent Posts

See All